Gli eventi nel Piceno
Le forme del ferro in cucina
Un artigianato povero ma molto vario quello legato all’utensileria da cucina in ferro.

Dalla produzione degli accessori per il camino, centro dell’attività culinaria contadina, alla realizzazione di semplici oggetti, ancora oggi forme universali della tradizione rurale italiana.

Il macinino da caffè è il più classico di questi strumenti. Si usava per macinare caffè e orzo e pepe. Il macinato si raccoglieva in un cassettino, collocato nella parte anteriore o incassato sul fondo.

Prima di usare il macinino, l’orzo era tostato nel tipico “brusca orzo”: una sorta di padella in ferro chiusa nella parte superiore, nella quale era versato l’orzo attraverso una finestrella. Una manovella permetteva di girare l’orzo per non farlo bruciare. Il brusca orzo era posto, con il classico treppiedi, sopra la brace o sulla fiamma.

Nella dotazione tradizionale della cucina contadina, utensili in ferro oggi tra i più o meno conosciuti: a cominciare dalle padelle, utilizzate per qualsiasi tipo di preparazione, dalle più piccole per soffritti e condimenti, da versare su pasta o polenta, alle più grandi per piatti unici più elaborati.

La carrellata continua con oggetti scomparsi in cucina ma un tempo di particolare importanza: come la “raschia madia”, utilizzata per ripulire il piano in legno della madia dai residui, dopo la preparazione della massa per il pane.

Così il “passa estratto”, per passare il pomodoro e ricavarne l’estratto. Era composto da una lamiera bucherellata attraverso la quale il pomodoro si passava e ripassava in modo da ricavare un estratto poi posto ad asciugare e addensare. O anche il crivello, per setacciare legumi e cereali.

Una particolare tipologia di utensile è poi quella della graticola per la cottura alla brace, utilizzata molto spesso nell’antica cucina contadina.

Insieme alla padella, la graticola era un oggetto d’uso quotidiano, dalla classica di forma rettangolare, a quella circolare e girevole, fino alla particolare graticola per i carciofi: era rotonda e dotata di piccoli cerchi che servivano a sostenere i carciofi durante la cottura.

Tra gli utensili tradizionali poi, la mezzaluna, per triturare erbe o altri piccoli ingredienti. O ancora, la mannaia per preparare il classico battuto di lardo, la schiumarola, la grattugia, di varie dimensioni, grande per il formaggio, piccola per noce moscata e buccia di limone. E poi la piccola bilancia usata in cucina per pesare sale, pasta e altri ingredienti; il tagliaravioli, per realizzare i vari formati di pasta ripiena; il cavatappi, le forbici da cucina, le posate.

Infine, non un utensile da cucina ma un particolare strumento presente nella stanza: lo scaldino, posto sotto il tavolo o sotto la sedia per scaldare l’ambiente e i commensali.


Laura Ricci


 

Inverno e primavera, stagioni di preparazione ma anche di degustazione di autentiche prelibatezze picene e marchigiane. Le conserve. Una produzione in cui si intrecciano competenze artigianali e gastronomiche.
Dai prodotti spontanei del territorio, erbe, piante, piccoli frutti e bacche, grandi risorse per artigianato e cucina.
L’importanza della polenta per le popolazioni del Piceno è legata ad un’immagine storica di grande semplicità che nasconde importanti connessioni tra le attività agricole e artigianali dei secoli scorsi.
Delizie e prelibatezze che nascono dalle celebri pentole artigianali in rame della cucina rurale
La grande importanza della cucina, come luogo di produzione del cibo per il sostentamento della famiglia contadina, non andava di pari passo con la cura riservata alla realizzazione dei suoi accessori, sicuramente non paragonabile all’attenzione che oggi si concede alla scelta di oggetti e complementi dell’attività culinaria.
Elemento basilare dell’alimentazione e antico simbolo di ospitalità, il pane riassume in sé la tradizionalità e la socialità degli antichi momenti conviviali, delle ricorrenze e della semplice quotidianità rurale.
Lo spago in canapa nelle ricette della tradizione
Un albero per mangiare, costruire, colorare, conservare.
I cereali, il cibo della storia.
Da Force e Comunanza, tradizionali centri di produzione, un viaggio alla scoperta dell’artigianato del rame, originariamente legato nel Piceno all’antica sapienza dei monaci Farfensi.
Una pratica antica che nasce con la necessità dell’uomo di raccogliere e conservare il cibo in semplici contenitori, prodotti con materiali naturali che non hanno bisogno di alcun tipo di lavorazione.
Un artigianato povero ma molto vario quello legato all’utensileria da cucina in ferro.
Paglia da intreccio, per imbottire, coprire, avvolgere e rivestire. Meno noti forse i suoi utilizzi legati alla gastronomia, destinati a proteggere e conservare le riserve alimentari.
L’estate, i colori della frutta matura, il gusto delle specialità più fresche e gustose.
Dai piccoli laboratori allestiti dai contadini nelle stalle nascevano nei secoli scorsi semplici oggetti in legno di uso quotidiano nella cucina della casa mezzadrile. Alla base di questo lavoro quotidiano una grande conoscenza della tecnica e della materia prima.