Gli eventi nel Piceno
Arte orafa

Le Marche hanno un notevole patrimonio nell’ambito della cultura orafa. I molti laboratori presenti, specie nel Rinascimento, su un territorio a prevalenza agricola sono la testimonianza di un legame profondo tra oreficeria e tradizione.

Tra i più importanti centri dell’arte orafa marchigiana, durante l’età dei Comuni e delle Signorie, Ascoli Piceno e Jesi raggiungono il massimo splendore tra Quattrocento e Cinquecento.

Gli artisti ascolani del settore si formano alla scuola del Vannini (1400) e favoriscono la diffusione di numerose botteghe orafe artigiane, consolidando una tradizione che si estende anche ad altre città della provincia, soprattutto a Fermo.

A Jesi nasce e si forma l’orafo Lucagnolo, maestro di bottega nella Roma di Clemente VII. Numerosi anche gli orafi che operano ad Urbino dal secondo ‘400 in poi. Per la città di Urbino, e per tutto il territorio compreso nel Ducato, la vera età dell’oro è però quella della signoria di Federico da Montefeltro e dei Della Rovere (fine 1400 - primi decenni 1600).
 

 

Guarda il video Piceno Terra Creativa dedicato all'artigianato artistico del Piceno