Gli eventi nel Piceno
Il pane nel Piceno. Gusto e tradizione
Elemento basilare dell’alimentazione e antico simbolo di ospitalità, il pane riassume in sé la tradizionalità e la socialità degli antichi momenti conviviali, delle ricorrenze e della semplice quotidianità rurale.

Anche nella tradizione popolare del Piceno il pane costituisce una fonte di sostentamento senza tempo che si arricchisce di sfumature di forme e sapori, legate a momenti e necessità della vita contadina.
Nel Piceno il pane è protagonista di feste e riti contadini. Il pan pepato accompagna il tempo della mietitura e la vendemmia si caratterizza per la preparazione del tipico pane col mosto.

Fino all’Ottocento, inoltre, a testimonianza del profondo legame tra pane e socialità quotidiana, nell’entroterra rurale piceno e in misura ridotta sulla fascia costiera, i diversi tipi di pane erano prodotti per essere consumati da differenti classi sociali. Il pane bianco, per le famiglie più agiate, era confezionato con la farina di grano setacciata, il cosiddetto fiore.

Il pane di farina mista, di grano e granoturco, era consumato dalla piccola borghesia e dai contadini di media condizione. Il pane di granoturco era il semplice pane del proletariato rurale, fatto di sola farina di granoturco.
Di qualsiasi tipo si trattasse, il pane veniva sempre preparato una sola volta alla settimana e conservato nella madia (“matt’ra”). Dopo la cottura era avvolto in un telo di cotone bianco (“lu mandil de’ lu pà”) per essere mantenuto fresco il più a lungo possibile.

La madia, il più celebre tra i mobili da cucina, è in uso fin dal Quattrocento nelle case coloniche picene, essenziale per la preparazione e conservazione del pane. La madia, fabbricata nel Piceno in legno di abete o pioppo, ha linee semplici e raramente presenta decorazioni. È costituita da un cassone in legno con coperchio ribaltabile sul quale veniva lavorato l’impasto del pane, lasciato poi lievitare all’interno della madia, prima della cottura.

Qui veniva anche conservato per giorni il pane pronto da consumare, o anche il lievito, prima di una nuova infornata. Il pane veniva infatti riposto nella parte inferiore della madia, accessibile da due sportelli.


Durante la fase di preparazione del pane, la madia era utilizzata sia come supporto sul quale preparare l’impasto, sia come mobile dove riporre la massa per lasciarla lievitare e fermentare, tenendola al riparo dalle correnti d’aria. Nella fase di conservazione del pane la madia si rende ancora più importante nella sua funzione di custodia di un così prezioso alimento per tutta la settimana.
L’importanza della madia nella vita quotidiana è testimoniata dalla sua presenza nel corredo del pane che la sposa portava in dote.

La madia, simbolo di abbondanza per la sua prima e importante funzione di conservazione delle scorte alimentari della famiglia, è la protagonista degli utensili portati con sé dalla futura moglie, come testimonianza e impegno di operosità familiare e auspicio di prosperità. Il corredo del pane era poi arricchito da graziosi cestini da pane di paglia di frumento lavorata, ornati di nastrini, che venivano appesi, a decorazione della cucina, negli intervalli tra una panificazione e l’altra.

La madia è inoltre il prodotto e il simbolo dell’attività familiare impegnata nell’ottimizzazione delle risorse. Raccoglie infatti il frutto del lavoro rurale e lo conserva nel tempo. Quale oggetto artigianale, la madia è poi realizzata in proprio dal contadino-artigiano nel suo piccolo laboratorio allestito in un angolo della stalla.

 

Laura Ricci

Inverno e primavera, stagioni di preparazione ma anche di degustazione di autentiche prelibatezze picene e marchigiane. Le conserve. Una produzione in cui si intrecciano competenze artigianali e gastronomiche.
Dai prodotti spontanei del territorio, erbe, piante, piccoli frutti e bacche, grandi risorse per artigianato e cucina.
L’importanza della polenta per le popolazioni del Piceno è legata ad un’immagine storica di grande semplicità che nasconde importanti connessioni tra le attività agricole e artigianali dei secoli scorsi.
Delizie e prelibatezze che nascono dalle celebri pentole artigianali in rame della cucina rurale
La grande importanza della cucina, come luogo di produzione del cibo per il sostentamento della famiglia contadina, non andava di pari passo con la cura riservata alla realizzazione dei suoi accessori, sicuramente non paragonabile all’attenzione che oggi si concede alla scelta di oggetti e complementi dell’attività culinaria.
Elemento basilare dell’alimentazione e antico simbolo di ospitalità, il pane riassume in sé la tradizionalità e la socialità degli antichi momenti conviviali, delle ricorrenze e della semplice quotidianità rurale.
Lo spago in canapa nelle ricette della tradizione
Un albero per mangiare, costruire, colorare, conservare.
I cereali, il cibo della storia.
Da Force e Comunanza, tradizionali centri di produzione, un viaggio alla scoperta dell’artigianato del rame, originariamente legato nel Piceno all’antica sapienza dei monaci Farfensi.
Una pratica antica che nasce con la necessità dell’uomo di raccogliere e conservare il cibo in semplici contenitori, prodotti con materiali naturali che non hanno bisogno di alcun tipo di lavorazione.
Un artigianato povero ma molto vario quello legato all’utensileria da cucina in ferro.
Paglia da intreccio, per imbottire, coprire, avvolgere e rivestire. Meno noti forse i suoi utilizzi legati alla gastronomia, destinati a proteggere e conservare le riserve alimentari.
L’estate, i colori della frutta matura, il gusto delle specialità più fresche e gustose.
Dai piccoli laboratori allestiti dai contadini nelle stalle nascevano nei secoli scorsi semplici oggetti in legno di uso quotidiano nella cucina della casa mezzadrile. Alla base di questo lavoro quotidiano una grande conoscenza della tecnica e della materia prima.