Gli eventi nel Piceno
Nel rame un dolce sapore antico
Delizie e prelibatezze che nascono dalle celebri pentole artigianali in rame della cucina rurale

Nelle tradizionali caldaie di rame realizzate dagli artigiani locali, il vino cotto, tipico prodotto piceno, trova il luogo eletto di produzione, il solo che riesce a conferirgli quel sapore unico.

Il tradizionale fine-pasto piceno delle feste è un momento di aggregazione allietato da ricette semplici e genuine. E ciò che accomuna gli elementi di questo dessert dal sapore antico è proprio la loro preparazione in pentole di rame.

Le ricostruzioni storiche del modello di cucina delle case coloniche, nella campagna picena di inizio Novecento, dipingono un quadro caldo e accogliente del quale il paiolo di rame, sempre presente sul fuoco del camino, rappresenta il simbolo più evocativo.

Allo stesso modo casseruole e “cuccume” in rame di ogni foggia e dimensione appese alle pareti sono la testimonianza di una varietà d’uso e di una prolificità creativa che il rame ha sempre stimolato, sia nella preparazione di pietanze da parte delle contadine picene che nella lavorazione artistica dei mastri ramai.

Il vino cotto è il protagonista di un dessert che si arricchisce di altri gustosi elementi in perfetta armonia tra loro. Non potevano mancare infatti, sulla tavola delle feste, il “ciambellotto” e la crema pasticcera. Il primo, il più antico dolce marchigiano, veniva confezionato a forma di grossa ciambella oppure a filone, quindi tagliato a fette e inzuppato in una saporita crema, presa direttamente dal paiolo di rame nel quale era preparata, oppure bagnato nel bicchiere di vino cotto.

Tra i più celebrati liquori marchigiani, inserito con decreto della Giunta Regionale, nell’elenco dei prodotti tradizionali del territorio marchigiano, il vino cotto è una preparazione casalinga che affonda le proprie radici nella civiltà contadina. Le antiche cantine disponevano sempre, infatti, dell’attrezzatura necessaria a produrre il vino cotto, la “callara”, una grande caldaia di rame prodotta dai rinomati calderai del paese di Force.

Il mosto d’uva appena spremuto viene infatti posto a bollire su fuoco a legna, fino a far evaporare circa un terzo del suo contenuto d’acqua. Durante la cottura il mosto viene schiumato per eliminare le impurità. Il mosto concentrato è quindi lasciato raffreddare e passato in botticelle per la fermentazione. Solo quando raggiunge la gradazione alcolica di 14 gradi il vino cotto è pronto. A questo punto inizia il periodo di invecchiamento che non dura mai meno di cinque anni.

Ancora oggi il vino cotto è prodotto nel Piceno, in piccole quantità. Ottimo vino da dessert, quando ben fatto e accuratamente conservato mantiene un giusto tenore zuccherino.


Laura Ricci

Inverno e primavera, stagioni di preparazione ma anche di degustazione di autentiche prelibatezze picene e marchigiane. Le conserve. Una produzione in cui si intrecciano competenze artigianali e gastronomiche.
Dai prodotti spontanei del territorio, erbe, piante, piccoli frutti e bacche, grandi risorse per artigianato e cucina.
L’importanza della polenta per le popolazioni del Piceno è legata ad un’immagine storica di grande semplicità che nasconde importanti connessioni tra le attività agricole e artigianali dei secoli scorsi.
Delizie e prelibatezze che nascono dalle celebri pentole artigianali in rame della cucina rurale
La grande importanza della cucina, come luogo di produzione del cibo per il sostentamento della famiglia contadina, non andava di pari passo con la cura riservata alla realizzazione dei suoi accessori, sicuramente non paragonabile all’attenzione che oggi si concede alla scelta di oggetti e complementi dell’attività culinaria.
Elemento basilare dell’alimentazione e antico simbolo di ospitalità, il pane riassume in sé la tradizionalità e la socialità degli antichi momenti conviviali, delle ricorrenze e della semplice quotidianità rurale.
Lo spago in canapa nelle ricette della tradizione
Un albero per mangiare, costruire, colorare, conservare.
I cereali, il cibo della storia.
Da Force e Comunanza, tradizionali centri di produzione, un viaggio alla scoperta dell’artigianato del rame, originariamente legato nel Piceno all’antica sapienza dei monaci Farfensi.
Una pratica antica che nasce con la necessità dell’uomo di raccogliere e conservare il cibo in semplici contenitori, prodotti con materiali naturali che non hanno bisogno di alcun tipo di lavorazione.
Un artigianato povero ma molto vario quello legato all’utensileria da cucina in ferro.
Paglia da intreccio, per imbottire, coprire, avvolgere e rivestire. Meno noti forse i suoi utilizzi legati alla gastronomia, destinati a proteggere e conservare le riserve alimentari.
L’estate, i colori della frutta matura, il gusto delle specialità più fresche e gustose.
Dai piccoli laboratori allestiti dai contadini nelle stalle nascevano nei secoli scorsi semplici oggetti in legno di uso quotidiano nella cucina della casa mezzadrile. Alla base di questo lavoro quotidiano una grande conoscenza della tecnica e della materia prima.